La guida su Torino dei due autori di equiLibri digitali

 

La guida su Torino dei due autori di equiLibri digitali 1

È uscita Torino. Un guida edita da Odòs Libreria Editrice e realizzata da due equiLibristi digitali: Laura Lo Giudice e Fiorenzo Oliva.

  • Una guida contemporanea al meglio di Torino, con aneddoti e curiosità.
  • Dieci passeggiate lente tra arte, storia, cultura, musica, racconti, buon cibo e con l’anima a posto.
  • Svelano i loro luoghi del cuore di Torino cinque scrittori e scrittrici torinesi: Marta Ciccolari Micaldi, Alessandro Defilippi, Fabio Geda, Alessandra Racca, Elena Varvello.

Abbiamo scritto Torino una guida”, raccontano gli autori, “perché guardavamo alla città da due luoghi e angolazioni diverse. Da chi ha imparato ad amare la sua città crescendoci dentro, e da chi la osserva dall’alto delle montagne, in continui arrivi e partenze”.

Laura Lo Giudice Abita e ha abitato per gran parte della sua vita ai piedi delle montagne che circondano Torino, spostandosi su e giù dai tempi del liceo classico. Da sempre appassionata ai libri e alla lettura, dopo studi umanistici, sceglie la facoltà di Scienze Biologiche dell’ateneo torinese e poi trova il modo di conciliare testi e scienza nella sua vita professionale da science editor freelance, per diverse case editrici. Si occupa di testi scolastici scientifici (ma in realtà di qualsiasi testo le passi sotto gli occhi) e di tre creature in carne e ossa. L’amore per Torino fa sì che quando viaggia, immancabilmente, le manchi l’abbraccio delle Alpi all’orizzonte.

Fiorenzo Oliva Vive a Torino da quando è in fasce, spostandosi dai quartieri borghesi del centro a quelli proletari di periferia. Ammaliato dal girovagare di Kerouac su e giù per l’America, ha colto ogni occasione per girare il mondo, utilizzando mezzi di tutti i tipi, compreso l’autostop. Si è bruscamente fermato quando è nata sua figlia e, da allora, fa di Torino la sua Berlino. Giornalista pubblicista, scrive per diletto e per lavoro, e fa l’editor per diverse case editrici scolastiche su testi storici e letterari. Quando non sogna viaggi lontani, gironzola per la sua città oppure legge Marx e Nietzsche davanti a caffè iper zuccherati. Ha raccontato un pezzo di Torino nel libro Il mondo in una piazza (Stampa Alternativa, 2009).

Facci sapere cosa ne pensi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.