Laura Lo Giudice

Laura Lo Giudice classe 1978. Avvinta alla lettura da quando ne ha ricordo, definisce i suoi gusti letterari “qualcosa a cui si addice il vintage vestito in digitale”. Nondimeno, curiosa della logica dei fenomeni, sceglie una laurea in Scienze Biologiche e tenta di conciliare metodo scientifico e mistero perdendosi tra narrazioni e processi empirici. Il mestiere di redattrice editoriale le ha permesso di nutrire queste propensioni dedicandosi a testi di editoria scolastica per diverse case editrici. Le forme di scrittura rimangono la causa e l’effetto di un reale fascino.

self-publishing-community

Solo una parola bellissima, s’il vous plaît [acetilene]

L’idea di questa piccola rubrica mi è venuta ieri, leggendo di straforo un articolo recente di Luisa Carrada, che invita alla lettura del testo: “Retorica e business” di Andrea Granelli e Flavia Trupia. La Carrada riporta una citazione di Cicerone, a mio avviso, importante quanto essenziale. Le parole devono…  docere, movere, delectare  ovvero: insegnare, commuovere, …

Solo una parola bellissima, s’il vous plaît [acetilene] Leggi tutto »

self-publishing-community

Figurine retoriche, collezionale tutte! – II parte –

  L’album di figurine retoriche non è completo, caro scrittore, e la collezione è molto lunga, per cui andiamo avanti con le presentazioni, gli esercizi di stile e il nostro aiuto per il tuo testo! Ora che entriamo nel vivo degli artifizi della lingua ho pensato di scriverti qualche riga di incoraggiamento che – ça …

Figurine retoriche, collezionale tutte! – II parte – Leggi tutto »

Serenata metafisica alla luna 2

Serenata metafisica alla luna

Da bambina sembravo un po’ stregata dalla luna. Mia madre racconta che rimanevo a lungo con la faccia perplessa e un po’ imbronciata a guardarla. Quell’astro ha tentato di affascinarmi anche da adolescente, e un giorno lessi una poesia che mi precipitò in un’atmosfera senza più cielo; fu come aprire gli occhi e veder d’un …

Serenata metafisica alla luna Leggi tutto »

self-publishing-community

Figurine retoriche, collezionale tutte! – I parte –

Le figure retoriche ricordano i tempi lontani della scuola, quando il professore ci introduceva all’arte “del parlar bene” (la retorica) e probabilmente molti sono lieti di non doverle più scovare nell’enorme allegoria della Divina Commedia. Ma… se volete essere aspiranti scrittori, oltre al bulino, all’ascia e alla lima, vi può essere utile un uso consapevole …

Figurine retoriche, collezionale tutte! – I parte – Leggi tutto »

Il giorno della prima-vera poesia 3

Il giorno della prima-vera poesia

21 marzo 2014, auguri Poesia     La giornata mondiale della poesia cade nel giorno che principia la primavera e non occorre cercar lontane motivazioni o coincidenze, perché i due termini sono collegati da una robusta tela di significati che vanno dal mito alla radice. Poesia dal greco “ποίησις” significa creazione. Il componimento poetico esiste …

Il giorno della prima-vera poesia Leggi tutto »

Ritratto di signora. Elle, la poésie 4

Ritratto di signora. Elle, la poésie

Poesia: sostantivo nato in una zona grammaticale al femminile. Ha corpo e labbra di donna, o perlomeno così recita la nostra cara grammatica, che da ragazzina mi piaceva aprire a caso immaginando volti dentro le parole. Il signor coraggio era Tristano a cavallo: nome proprio di persona, genere maschile; madame poesia, la bella signora dalle …

Ritratto di signora. Elle, la poésie Leggi tutto »

emozionArti di scrittura 5

emozionArti di scrittura

Gli scrittori raccontano, è questo il loro mestiere. E poi ci sono i grandi scrittori, che sanno dare il nome alle cose, le definiscono nel tempo di pochi capoversi, a volte di una riga, una parola. Ai grandi scrittori non servono lunghe descrizioni per suggerire una forma o l’idea di quella forma, a loro basta …

emozionArti di scrittura Leggi tutto »

il libraio di selinunte

“Il libraio di Selinunte” e i marosi nella rete

Certe narrazioni arrivano in una cesta trascinata dalla corrente di un mare di libri blu cobalto; arrivano, senza motivazioni apparenti, e silenziose attendono che le pagine si aprano, lasciando loro palcoscenico e voce. Una narrazione in forma di apologo, sottile, dall’aspetto rassurant, scritta da Roberto Vecchioni “il professore” di cui ricordo qualche canzone piena di …

“Il libraio di Selinunte” e i marosi nella rete Leggi tutto »